top of page
  • Immagine del redattoreSegreteria DI BO'

Io Filumé conquista Castrovillari




È stato un oceano di applausi ad accogliere “Io, Filumé”, monologo di Franco di Corcia jr accompagnato dalla musica dal vivo di Mattia Pagni e dall’assistenza alla messa in scena di Michelangelo Ricci, andato in scena sabato 23 e domenica 24 Settembre in occasione della quinta edizione della rassegna ImPollino al Teatro della Chimera di Castrovillari (CS), un incontro e uno scontro tra la vita di Franco e quella della Filumena Marturano di Eduardo de Filippo.


Il pubblico si è visto accogliere in sala a sipario aperto da un protagonista già presente in scena e già pronto dal primo secondo a prendersi tutta quanta la loro attenzione e mantenerla inalterata fino alle ultime parole del monologo. Franco racconta due storie che si intrecciano e si dividono, la sua e quella di Filumé. Un solo attore in grado di trasmettere la propria storia specchiandosi allo stesso tempo in quella di una donna che sente così vicina, trasmettendo tutto il bisogno d’amore e di lottare per la propria realizzazione dell’eroina originariamente interpretata da Titina de Filippo.



Come in ogni replica, Franco strega il pubblico raccontando non solo l’amore di Filumena per don Domenico e la sua instancabile battaglia per i propri figli, ma anche parlando del suo amore e delle sue battaglie: quelle per il Teatro, per il lavoro, per quegli spettacoli che sono come dei figli. La Filumé che rivive in Franco è una Filumé così simile e allo stesso tempo così diversa dal personaggio originale, in continui passaggi repentini dalla sua storia a quella dell’attore.


Dopo i grandi successi di Napoli e Padova, Franco riesce nuovamente nell’impresa di conquistarsi un pubblico ancora nuovo compiendo scelte drammaturgiche rischiose, originali e dal sapore vagamente metateatrale. Per sua stessa ammissione, Franco è “nato con la sindrome della valigia”, perciò forse è una semplice conseguenza naturale che uno spettacolo che parli della sua vita venga apprezzato così tanto da platee così differenziate e dalle culture teatrali diverse tra loro.


Dopo le tappe in Campania, Veneto e Calabria, “Io, Filumé” tornerà in Toscana il 3 Dicembre al Teatro Comunale di Santa Maria a Monte.


2 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page